È stato emozionante, per noi, tornare a cantare dopo ben 7 mesi di silenzio. In 25 anni di carriera non ci era mai capitato un periodo così lungo senza prove né concerti. La musica si rialza, ma le regole sul distanziamento ci hanno fatto comprendere che la Musica, quella intesa nella sua completezza, con la emme maiuscola, non è solo un palco, un locale, i musicisti, gli strumenti…. Il tassello fondamentale della musica dal vivo è di fatto il pubblico. La Musica unisce tutti: le persone, i popoli. È un linguaggio comune. Ma a noi non interessa parlarci addosso. le prove sono un mezzo, il fine è il concerto, il live. Non c’è forma d’amore più bella che quella di offrire il nostro lavoro, la nostra passione per gli altri. Saranno gli altri poi a decidere quanto applaudire e attestare così se quel determinato artista ha talento o meno. In 25 anni di Alti & Bassi abbiamo riempito la nostra cartella stampa di articoli che ci descrivono come un gruppo a cappella di qualità, addirittura qualcuno ci ha descritto come gli “eredi dei Cetra”, secondo noi esagerando perché l’arte dei Cetra è inarrivabile. Ogni qualvolta il pubblico applaude, ogni qualvolta un giornalista si accorge di noi siamo felici, perché il nostro obiettivo è stato raggiunto.
La serata del 20 settembre 2020 al Blue Note la ricorderemo per questo. Per non dimenticare mai quanto la Musica sia, per tutti noi, così importante.
Grazie a Valeria Bissacco per questa bella recensione e non mancate di guardare le sue fotografie della serata in questa galleria!